Indivia - PiccoliCampiVerdi

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Indivia

Schede Coltivazioni
Indivia
Famiglia Compositac (Endivia scarola) Cichorium endivia, L., var. erispum, Hegi. - Famiglia Compositae (Endivia riccia) Specie biennale, annuale in coltura. Endivia scarola Endivia riccia
L'Endivia è un ortaggio dotato di particolari proprietà terapeutiche. t indicata per la sua proprietà diuretica e lassativa; essa ha inoltre funzioni toniche, stimola l'appetíto e agisce favorevolmente'sulla secrezione biliare.
Generalmente presenta le stesse proprietà della cicoria; viene usata sotto forma di infuso, preparato con le foglie e le radici essiccate.
CLIMA: temperato; resistono abbastanza bene a freddi asciutti, temono invece periodi prolungati di caldo secco.
TERRENO. si adattano a qualsiasi tipo di terreno, pur preferendo quello di medio impasto o tendenziahnente sciolto, fresco, irriguo, ricco di sostanza organica, sempre ben drenato per consentire un rapido smaltimento delle acque in eccesso.
CONCIMAZIONE: con un'aratura profonda 30-40 cm si interra letame ben maturo,
Dosi orientative di fertilizzanti: letame ben decomposto 200-400 q per ettaro;
AVVICENDAMENTO: in colture di vasta superficie possono essere considerate intercalari e soltanto a volte occupano il posto di una coltura principale; negli orti possono seguire il pomodoro precoce, la patata, il fagiolino, la cipolla invernale, ecc. t opportuno non coltivare le endivie sullo stesso appezzamento o su terreni precedentemente occupati da altre composite, prima di 2-3 anni, senza averli precedentemente sterilizzati.
CONSOCIAZIONE: si effettua negli orti con finocchio, sedano, cavolo, ecc.
RIPRODUZIONE: per seme.
SEME: è un achenio (frutto) di fonna tronco-piramidale, allungato, angoloso, munito di un pappo ad una estremità di colore biancastra (riccia) o grigio (scarola). Gr 100 contengono, 55.000-60.000 semi, 1 1 di seme pesa 400-450 gr. Durata della facoltà gernúnativa 5-7 anni. Tempo di gemúnazione e fuoriuscita della plantula dal terreno 7-10 giorni. Quantità di seme per ettaro 3-5 kg nel caso di semina diretta in pieno campo e gr 0,5-1 per MI di semenzaio. Le piante sufficienti per 1 ettaro di coltura si ricavano da 150-200 m' di semenzaio.
SEMINA: in pieno campo a mano o meglio a macchina a file avviene da luglio ad agosto per raccolte autunnali e da agosto a fine settembre per produzioni invernali o primaverili. La semina in semenzaio avviene in luglio-agosto per ricavare piantine da trapiantare successivamente a dimora. Il seme va interrato alla profondità di 1-2 cm.
TRAPIANTO: si esegue a mano o a macchina quando le piantine in semenzaio hanno formato 4-5 foglie. E' sempre opportuno annaffiare abbondantemente il semenzaio prima di procedere all'estirpamento delle piante; questa operazione non si rende ovviamente necessaria se la semina è stata effettuata in vasetto o cubetti.
INVESTIMENTO: le distanze tra le file si mantengono sui 30-50 cm, mentre sulla fila le piante vengono disposte a cm 20-30. Ciò consente ma densità di 6,7-16,5 piante per m2.
IRRIGAZIONE. sempre necessaria subito dopo il trapianto a volte, con sta- gioni particolarmente asciutte, deve essere ripetuta anche durante il ciclo colturale con uno o due interventi.
SCERBATURE e SARCHIATURE: si rendono utili per arieggiare il terreno, rompere la eventuale crosta supefficiale e mantenerlo libero dalle malerbe. Si effettuano a macchina nelle colture di vasta superficie o a mano soprattutto negli orti di piccole dimensioni.
ALTRE OPERAZIONI COLTURALI: nel caso di semina diretta in campo, quando le piante hanno formato 3-4 foglie, si procede al diradamento lasciandole alle distanze volute. Nel caso di trapianto occorre rimpiazzare le piantine non attecchite. In questo momento si distribuisce una prima quota di concime azotato. Negli orti di superficie limitata si pratica l'imbianchimento dei cespi con modalità diverse e che non differiscono molto da quanto riportato per radicchi (es. legatura di tutte le foglie nella parte alta del cespo in modo da mantenere al buio il 'cuore", copertura delle piante in campo con tunnel di plastica nera, ecc.). Questa operazione assai laboriosa e costosa può essere ovviata impiegan- do in coltura cultivar caratterizzate da spiccata tendenza all'autoimbianchimento.
COLTURA PROTETTA: si attua saltuariamente nelle regioni più fredde sotto tunnel di varia forma e dimensione privi di impianto di riscaldamento. La semina avviene in gennaio-febbraio ed il trapianto in marzo. 1 sesti d'impianto sono generalmente stretti per ottenere una densità di piante per unità di superficie molto elevata (piante a cm 30 tra le file e 15-20 sulla fila).
RACCOLTA. scalare, inizia quando il cespo ha raggi-unto sviluppo e compattezza tali da soddisfare le richieste del mercato. Avviene a mano, ma in alcuni Paesi è già pratica abbastanza diffusa la raccolta semi-meccanizzata o completa- mente meccanizzata. I cespi vengono recisi al livello del terreno (zona del colletto) e trasportati poi in magazzini per la lavorazione (toelettatura, scelta, lavaggio, calibrazione, classificazione, imballo, ecc.). La grande massa della produzione, è disponibile da ottobre ad aprile sebbene queste insalate, con quantitativi più o meno elevati, possono essere presenti sui mercati per l'intero arco dell'anno.
PRODUZIONE: varia da 200 a 400 q per ettaro di cespi.
CONSERVAZIONE. il prodotto raccolto in periodi caldi deve essere prere- frigerato subito dopo la raccolta. La eventuale conservazione dei cespi può essere effettuata in frigorifero a 0 OC ed U.R. pari al 90-95% per un periodo di 2-3 mesi.
AVVERSITA: oltre alle alterazioni di natura parassitaria e non riportate per la lattuga, si ricordano: Crittogame. ruggine (Puccinia hieracii), malattia delle piante porta-semi (Phoma albicans). Insetti: pidocchio nero (Aphis intybi), pidocchio bianco delle radici (Rhízobius sonchi).
VARIETA'
ENDIVIA SCAROLA BIONDA A CUORE PIENO: cespo voluminoso, cuore di colore giallo oro. Molto lenta a montare, adatta per colture estive.
BUBIKOPF: cuore molto serrato, pieno, verde, a costa larga, di facile imbianchi- mento, anche naturale. Foglie ricce-ondulate, folte. Precoce. Adatta 'per raccolto autunnale.
DI LUSIA: pianta a radice ridotta con cespo a rosetta, robusta, compatta, ben riunita e folta. Foglie esterne ondulate a bordo dentato, con 'coste bianche e lembi foglia- ri verde scuro; foglie interne larghe, numerose, riunite, compatte, di pronto e spon- tanee imbianchimento. Per consumo nella tarda estate ed in autunno.
FULL HEART: cespo ampio, cuore grosso, pieno, compatto, verde. Altamente pro- duttiva. Ottima varietà medio-precc>ce che meglio si adatta per produzioni estive.
GIGANTE DEGLI ORTOLANI: cespo voluminoso, alto, verde, con fogliame ab- bondante che facilita l'imbianchimento naturale. Ha buona resistenza ai freddi.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu