Le Cipolline - PiccoliCampiVerdi

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le Cipolline

Lo Faccio Io > Conservo > Agrodolce
Cipolline in agrodolce
Le cipolline in agrodolce sono un contorno realizzato con le cipolline borettane, una varietà di cipolline molto note per la sua squisitezza, dalla classica forma schiacciata.


Le cipolline in agrodolce cuociono in una miscela di acqua, zucchero e aceto e caramellano a fine cottura fino ad assumere il classico colore dorato. Per gustarle nel pieno del loro sapore, lasciatele intiepidire.  




INGREDIENTI
Le dosi: 
    • 1 kg di cipolline piatte
    • 4 cucchiai di aceto di vino bianco
    • 100 ml di acqua
    • Pepe nero in grani
    • 2 Chiodi di Garofano
    • 2 cucchiai di zucchero
    • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
    • Sale

                    PROCEDURA
                    • Sterilizzate i contenitori 
                    • Sbuccia le cipolline, togliendogli eventualmente lo strato più esterno. Metti sul fuoco una pentola contenente un litro di acqua leggermente salata. Quando sarà bollente tuffaci dentro le cipolline. Dovranno cuocere per 3 minuti dalla ripresa del bollore. Scolale bene e adagiale su un telo da cucina.
                    • Versa in una casseruola l'olio, l'aceto, il sale, lo zucchero, il pepe nero e i chiodi di garofano. Mescola con un cucchiaio di legno fino a che il sale e lo zucchero non siano perfettamente sciolti e porta il liquido ad ebollizione. Cala le cipolline nella casseruola. Abbassa la fiamma. Devono cuocere per altri 3 minuti o poco più, se tastandole con una forchetta risulteranno ancora troppo dure.
                    • Sistemale, con delicatezza, ancora calde e ben sode, all'interno dei contenitori di vetro. Versaci sopra il liquido di cottura ancora bollente, che le dovrà ricoprire completamente. Chiudi accuratamente i barattolini, lasciali raffreddare e sistemali in un luogo fresco ed areato. 
                    • Pastorizzate
                    • Sistemate i recipienti in un luogo asciutto e buio e consumate le verdure dopo circa 1 mese.
                                 
                                 
                                Torna ai contenuti | Torna al menu